BIOGRAFIA

Rosario Bruno nasce a Siculiana nel 1945.Trascorre la prima infanzia al proprio paese ed in seguito compie i suoi primi studi artistici presso l’Istituto Statale d’Arte di Sciacca.

Nel 1964 consegue il diploma di Maestro d’Arte e l’an- no seguente si trasferisce a Roma dove rimane per due anni. Inizia a dipingere stimolato dalla conoscenza della scuola romana per lui rappresenta degnamente da Afro Capogrossi,Turcato, Burri, Rotella, e dalla cultura artistica americana espressa in quegli anni da Yves, Klein, Rau- schenberg, Riopelle, Sam francis e Pollock.

Nel 1967 torna a Sciacca e con le nuove esperien- ze acquisite, continua a dipingere, ottiene l’incarico per l’insegnamento di decorazione pittorica all’Istituto d’Arte di Sciacca.

Nel 1969 la prima personale alla Galleria San. Michele di Brescia. Partecipa ad una mostra collettiva con nove pittori siciliani, presentati da Leonardo Sciascia presso l’Azienda autonoma delle Terme di Sciacca.

Nel 1972 inizia nuovi lavori usando la tecnica antica del Cartone Romano insieme a collages di stoffe con l’inserimento di legno e ferro e pittura ad olio.

Nel 1973 il pittore Enrico Della Torre lo presenta a Giovanni Fumagalli che lo invita ad esporre nella sua Galleria delle Ore di Milano, in una collettiva di giovani artisti (Basile, Bottarelli, Ercolini, Ferrari, Marchetti, Pic- coli e Quaresiman).


Nel 1978 viene invitato alla XVII Rassegna Internazio- nale d’Arte Factura di Acireale, a cura di Silvana Sinisi, con Luciano Bartolini, Renata Boero, Marcello Camo- rani, Nedda Guidi, Elio Marchegiani, Marisa Mertz, Al- berto Moretti, Susanne Santoro. Nello stesso anno, il gallerista Nino Soldano gli presenta Arnaldo Pomodo- ro e Italo Mussa e insieme pensano a una sua mostra personale a Milano.

Nel 1979 con la presentazione di Italo Mussa organizza una personale nella galleria di Nino Soldano. Nel 1980 ancora Italo Mussa lo segnala nel catalogo Bolaffi della scultura italiana n.5 edito G. Mondadori e Associati. Presso lo studio Ennesse, Milano, espone alla mostra a tema Museo Vivo in Lombardia con Carlo Battaglia, Elio Marchegiani, Walter Valentini e Tino Stefanoni. Nel 1981 Nino Soldano lo intervista per Casa e giardino.

Nel 1983 conosce l’architetto Nanda Vigo che lo pre- senta a Ludovico Corrao, Sindaco di Gibellina. Lo stes- so anno viene invitato a tenere corsi di pittura e di scultura nelle scuole di Gibellina e gli vengono com- missionate delle maschere-scultura per l’opera teatrale “Gibella del martirio” di Emilio Isgrò.

Nel 1985 il Comune di Gibellina organizza una mostra antologica a cura di Vanni Bramanti presso il Museo Civico d’Arte Contemporanea.
Partecipa alla mostra collettiva“Cento anni della Banca Agricola Industriale di Sulmona” a cura di Vanni Bra- manti con gli artisti: Accardi, Boero, Fortuna, Granchi, Landi, Levini, Manai, Miccini, Ranaldi e Salvatori.

Nel 1987 partecipa alla rassegna “Artisti per la pace nel mondo” a cura di Carola Pandolfo Marchegiani, Pa- lazzo Spanò Burgio, Galleria Civica d’Arte Contempo- ranea, Marsala.

Nel 1990 Ezio Pagano gli organizza una mostra nella sua galleria a Bagheria. Nel1990eseguedelleinstallazionipressolaVillaTanta Fera di Firenze a cura di S. Kaldeway.

pietrasantajpg

Nel 1993, dopo quasi un trentennio di attività scolasti- ca, lascia definitivamente l’insegnamento presso l’Istitu- to statale d’arte di Sciacca per dedicarsi a tempo pie- no al suo lavoro artistico e nello stesso anno, espone presso l’ex Convento di Sant’Agostino di Pietrasanta in una personale dal titolo “Charta Imago” con un testo critico di Enrico Crispolti.

Nel 1995 partecipa alla rassegna “La fondazione Cri- staudo” a cura di F. Gallo - Palazzo di Città, Acireale (CT).

Nel 1996 espone alla rassegna d’Arte Contemporanea “Caleidoscopio Sicilia” a cura di Ezio Pagano presso l’In- trepid Sea Air Space Museum, New York e alla mostra collettiva Omaggio a Roland Barthes e Cultura Scultura i miei libri a cura di Antonina Greco, Ex Carceri Petralia Soprana - Palermo. Nello stesso anno espone alla rasse- gna Nelle terre di Kokalos proposta per una civica rac- colta d’arte contemporanea con opere di: Fernando De Filippi, Riccardo Guarneri, Nedda Guidi, Elio Marchegiani, a cura di Ignazio Alessi, Sant’Angelo Muxaro (AG).

Nel 1997 viene invitato a esporre nella rassegna La questione siciliana temi della cultura artistica del ‘900


a cura di Giuseppe Frazzetto, Castello Ursino, Catania.

Nel 1997 viene invitato a esporre nella rassegna La questione siciliana temi della cultura artistica dell ‘900 a cura di Giuseppe Frazzetto, Castello Ursino, Cata- nia. Nello stesso anno espone alla mostra Le Affinità Elettive, rassegna d’arte Internazionale, con opere di De Pisis, Morandi, Marlotti, Siracusa, Savinio, a cura di Elizabeth Sarah Gluckstein, Castello Chiaramonte, Si- culiana (AG).

Nel 1999 espone al Millennium Bug-Arte a cura di Diego Gulizia, Galleria d’Arte Qual’at, Caltanissetta; nello stesso anno il prof. Arthur Figliola, dell’universi- tà del Massachussets organizza una sua personale alla South Gallery Greenfield Community College.

Nel 2000 partecipa alla rassegna Sedia di Autore a cu- ra di Annamaria Ruta, Corimbo Loft, Palermo. Dello stesso anno è la personale Santi e Santissimi nell’ex chiesa di Sant’Antonio Abate a cura di Italia Nostra, Sciacca (AG).

Nel 2001 espone dei ritratti e varie raffigurazioni di Santi popolari nell’ex Oratorio di Santo Stefano Pro- tomartire a cura dell’Associazione culturale Extroart, Palermo.

Nel 2002 realizza dieci istallazioni per le sale d’aspetto dello studio di analisi biologiche del dottor SalvatoreVetro a Favara (AG).

Nel 2005 i comuni di Sant’Angelo Muxaro e di Racalmu- to, rispettivamente in una sede scolastica e nel Castello Chiaramontano, lo invitano ad esporre con una mostra antologica dal titolo Dalle terre di Kokalos alle praterie del West (1972-2005).

Nel 2008 la Direzione del Museo Guttuso di Bagheria (PA) gli dedica una importante retrospettiva che riper- corre i suoi 40 anni di attività artistica (1968-2008).

Nel 2009 partecipa alla mostra Overture, Fabbriche Chiaramontane, Agrigento.
Nell’agosto del 2009, Ludovico Corrao, presidente della Fondazione Orestiadi di Gibellina, gli affida la re- alizzazione della Madonna delle Grazie, opera a tutto tondo di 220 centimetri di altezza, che venne portata, a settembre dello stesso anno, in processione presso il Cretto Di Alberto Burri nel sito della Vecchia Gi- bellina.

Nel 2010, insieme ai maggiori artisti siciliani, partecipa alla Rassegna Astrazione siciliana, a cura di Marco Me- neguzzo, Fabbriche Chiaramontane, Agrigento.
Nello stesso anno partecipa alla rassegna Barocco au- stero, a cura di Carmelo Strano, ex Convento dei Be- nedettini di Catania.

A luglio del 2013, dopo una lunga convalescenza che lo ha visto lontano dal suo lavoro, decide di dare in comodato le sue maggiori opere ai suoi più vicini esti- matori, collezionisti e istituzione, da installare nei loro spazi privati e pubblici.

Nel 2013/14 invitato alla Rassegna Artisti di Sicilia a cura di Vittorio Sgarbi, presso la ex Tonnara Florio, Fa- vignana, Palazzo Sant’Elia, Palermo e al Castello Ursino di Catania.

Nel 2015 viene invitato a esporre alla rassegna Mare Motus 1950-2015, a cura di Lea Mattarella E Lorenzo Zichichi, Castello, Ex Chiesa di Santa Maria Caterina, ex carcere, Lipari.

Caleidoscopio, Artisti Contemporanei in Sicilia, a cura di Gerardo Rizzo, Castello di Spadafora, Spadafora (ME).
Ceramiche Mediterranee tra storia e sperimentazione, a cura di Maria Reginella e Enzo Fiammetta, Magazzi- ni di Torre dell’Aquila, Siracusa, in collaborazione con Orestiadi di Gibellina.

Vite da Gallerista, Ezio Pagano, Collezione Museum di Bagheria, a cura di Meneguzzo, Fabbriche Chiaramon- tane (AG).

2016 Artisti di Sicilia, operanti in Sicilia negli anni ‘70, Fabbriche Chiaramontane Agrigento.